Compensazione del contributo a fondo perduto Decreto Sostegni

Con la Risoluzione n. 24/E del 12 aprile 2021, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo “6941” per l’utilizzo in compensazione mediante modello F24 del contributo a fondo perduto di cui all’art. 1 del DL n. 41 del 22 marzo 2021 (Decreto Sostegni); tale modalità di fruizione del beneficio è alternativa all’accredito diretto sul conto corrente bancario del soggetto beneficiario, a condizione che il riconoscimento del contributo sotto forma di credito di imposta sia stato richiesto in sede di presentazione telematica dell’istanza. Nella medesima Risoluzione, l’Agenzia delle Entrate ha inoltre definito le modalità di restituzione spontanea del contributo a fondo perduto non spettante, sia erogato mediante accredito su conto corrente sia utilizzato in compensazione, da effettuare mediante presentazione telematica del Modello F24 ELIDE.

L’inerzia del depositante non è sufficiente a far decorrere il termine di prescrizione del diritto ad ottenere la restituzione delle somme depositate

Con la sentenza n. 8998 del 31 marzo 2021, la Corte di Cassazione, in materia di deposito bancario e prescrizione del diritto del depositante ad ottenere la restituzione delle somme, ha confermato l’orientamento già espresso con la pronuncia n. 778/2012 e ha emanato il seguente principio di diritto: ‹nel deposito bancario l’obbligo restitutorio della banca sorge, in mancanza di un termine convenzionale di scadenza del contratto, solo a seguito della richiesta del cliente, quale condizione di esigibilità del credito del medesimo, con la conseguenza che la prescrizione del diritto del depositante ad ottenere la restituzione delle somme depositate non inizia a decorrere prima che il cliente abbia richiesto la somma in restituzione, facendo sorgere il corrispondente obbligo della banca›.

Per il nuovo contributo a fondo perduto istanze a partire dal 30 marzo 2021

Con il Provvedimento prot. n. 77923 del 23 marzo 2021, l’Agenzia delle Entrate ha reso noti i termini e le modalità di richiesta del contributo a fondo perduto previsto dall’art. 1 del D.L. n. 41/2021 (Decreto Sostegni). Le istanze potranno essere presentate esclusivamente mediante i canali telematici dell’Agenzia delle Entrate o il servizio web disponibile nell’area riservata del portale “Fatture e Corrispettivi”, utilizzando i modelli e le relative istruzioni approvati in sede di emanazione del Provvedimento. La trasmissione delle istanze sarà consentita a partire dal 30 marzo 2021 sino al 28 maggio 2021.

Entro il 31 marzo la comunicazione per la cessione del credito o lo sconto in fattura per le spese sostenute nel 2020

I beneficiari delle detrazioni per interventi di recupero del patrimonio edilizio, di efficienza energetica, di riduzione del rischio sismico, di installazione di impianti fotovoltaici, di colonnine di ricarica e del superbonus 110%, che hanno optato per la cessione del credito o per lo sconto in fattura dovranno trasmettere – entro il 31 marzo 2021 – apposita comunicazione per le spese sostenute nel corso dell’anno 2020. Tale comunicazione potrà essere presentata esclusivamente in via telematica, utilizzando i servizi Fisconline o Entratel dell’Agenzia delle Entrate.

ETS – Slitta al 31 maggio 2021 il termine per gli adeguamenti Statutari

In considerazione del perdurare dell’emergenza sanitaria, il Decreto Sostegni (D.L. 41/2021 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 22 marzo 2021) proroga al 31 maggio 2021 il termine per gli adeguamenti statutari degli enti iscritti nei Registi Onlus, Organizzazioni di Volontariato (ODV), Associazioni di Promozione Sociale (APS) e Imprese Sociali alle disposizioni inderogabili del Codice del Terzo Settore. Entro tale nuovo termine, infatti, esse potranno modificare i propri statuti con le modalità e le maggioranze previste per le deliberazioni dell’assemblea ordinaria.

Brexit: posticipata l’applicazione degli effetti del recesso del Regno Unito dall’Unione Europea in relazione alle procedure doganali

Con avviso del 17 marzo 2021 l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha reso noto che sarà possibile ricorrere al sistema delle Delayed Declarations (dichiarazioni differite), compresa la presentazione di dichiarazioni supplementari fino a sei mesi successivi all’importazione delle merci, fino al 1° gennaio 2022, e non fino al 1° luglio 2021 come previsto in precedenza. Per i prodotti sanitari e fitosanitari (SPS), l’entrata in vigore dei requisiti di prenotifica e di certificato sanitario di esportazione è differita al 1° ottobre 2021.

Stralciate le cartelle esattoriali sotto i 5.000 Euro

Il “DL Sostegni”, ha introdotto un’agevolazione, applicabile a tutti i soggetti con reddito inferiore ai 30.000 Euro nel periodo di imposta 2019, consistente nello stralcio automatico delle cartelle di pagamento relativo ai singoli ruoli sorti tra il 1 gennaio 2000 e il 31 dicembre 2010 di ammontare non superiore ad Euro 5.000.

Ai fini dell’agevolazione, l’importo da considerare è il debito residuo alla data di entrata in vigore del decreto e, pertanto, potrebbero essere ricompresi anche ruoli di importo maggiore, successivamente ridotti sotto la suddetta soglia.

Qualora il debitore avesse già proceduto alla definizione del ruolo, non avrà diritto alla restituzione di quanto versato.

ETS – Nessuna verifica del RUNTS sui quorum assembleari per gli adeguamenti statutari

Con nota n. 3877 del 19 marzo 2021, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha fornito chiarimenti in merito alla portata dei controlli che gli uffici regionali del RUNTS effettueranno in sede di iscrizione degli Enti del Terzo Settore (ETS). Nello specifico, i controlli verteranno esclusivamente sulla conformità dei nuovi Statuti alle disposizioni obbligatorie previste dal Codice del Terzo Settore (CTS) e non anche sulla regolarità della costituzione e dello svolgimento delle Assemblee di approvazione delle modifiche necessarie all’adeguamento di quanto previsto dal CTS.

Nuova proroga dei termini per la conservazione delle fatture elettroniche 2019

Con il comunicato stampa del Ministero dell’Economia e delle Finanze n. 49 del 13 marzo 2021 è prorogato il termine per la conservazione delle fatture elettroniche 2019, precedentemente fissato al 10 marzo 2021. Tale misura, che insieme ad altre proroghe fiscali sarà contenuta nell’emanando Decreto Sostegni atteso entro la fine della corrente settimana, concede agli operatori del settore, già impegnati nella gestione dei numerosi adempimenti connessi alle misure straordinarie varate dal Governo, tre mesi in più di tempo per procedere alla conservazione sostitutiva delle fatture elettroniche emesse e ricevute nel periodo d’imposta 2019.

Pubblicate dal Tribunale di Milano le nuove tabelle per la liquidazione del danno non patrimoniale

Il Tribunale di Milano ha da poco resa nota l’edizione 2021 delle tabelle “milanesi” elaborate dall’Osservatorio sulla giustizia civile di Milano.

Le nuove Tabelle tengono conto degli indici ISTAT dal 1° gennaio 2018 al 1° gennaio 2021 e presentano una nuova veste grafica, essendo ora esplicitati gli addendi monetari delle singole componenti del danno non patrimoniale (danno biologico e danno morale).

Novità di rilievo costituisce poi l’enunciazione, per la prima volta, di criteri orientativi per la liquidazione del danno da mancato/carente consenso informato in ambito sanitario.